RDCongo, alluvione al Foyer Social

Una forte alluvione si è abbattuta su Kingabwa, nella periferia di Kinshasa ed ha messo in ginocchio la struttura del Foyer social. Il centro opera dal 2000 per la formazione [...]

Una forte alluvione si è abbattuta su Kingabwa, nella periferia di Kinshasa ed ha messo in ginocchio la struttura del Foyer social.

Il centro opera dal 2000 per la formazione umana e professionale delle ragazze e giovani donne provenienti dai quartieri più degradati della capitale congolese.  A Kingabwa, nel comune di Limete, scarseggiano acqua e luce elettrica e le famiglie vivono in condizioni precarie. Spesso le ragazze finiscono vittime di violenza o  intrappolate nel giro della prostituzione.

Il Foyer social è una grande opportunità di riscatto sociale.

I corsi di formazione umana e professionale hanno consentito finora a oltre 200 ragazze di trovare lavoro e vivere degnamente uscendo dalla miseria. Bilonda Agnes dopo la scuola professionale  terminata nel 2004, si  è sposata ed ha quattro bambini e lavora come cuoca presso una famiglia. Nzuzi Veronique con la macchina da cucire che aveva ricevuto alla fine della scuola ha aperto una piccola sartoria in casa e cuce i vestiti per le persone del quartiere.

Al centro si accolgono circa 80 ragazze per ogni ciclo, organizzati in 4 classi di cui una di recupero. Il corso professionale è triennale e consente un diploma di sartoria e confezionamento di abiti o di cucina.

Si offrono in aggiunta tutta una serie di attività gestite in partenariato con la ONG locale AECOM e sostenute da AFN:   corsi di francese, matematica, scienze sociali, economia domestica, igiene, educazione civica ed etica.

Al termine dopo un tirocinio di 6 mesi presso l’atelier del centro viene consegnata alle diplomate una macchina da cucire e tutto il materiale occorrente per iniziare la propria attività.

Tra le ragazze frequentanti, Kenge: fa due ore a piedi per arrivare al centro. La mamma, per evitarle il lungo tragitto l’aveva iscritta ad una scuola più vicina nel suo quartiere. Ma, dopo quattro mesi ha deciso di tornare al Foyer Social per la migliore qualità dell’insegnamento e delle attrezzature.

 

L’alluvione rischia di compromettere le opportunità di una vita migliore per tante ragazze. Mentre si stima l’entità dei danni, i materiali e le attrezzature sono stati temporaneamente trasferiti a Petite Flamme Ndolo.

Chi desidera può dare il proprio contributo perché le attività di Foyer social possano riprendere prima possibile e continuare a dare un futuro dignitoso a tante giovani di Kinshasa:   CLICCA QUI 

 

Print Friendly, PDF & Email
I Nostri Numeri
News
Eventi
Facebook
 

Twitter
YouTube

 

Segui AFN Onlus anche grazie al nostro canale Youtube. Video aggiornati su di noi e le nostre inziative
Vai al nostro canale Youtube